www.errorediridondanzaciclicodotcom

  • Home
  • TAVOLO TECH
  • BACK P.P.
  • COSTRUIRE SCRIVANIA RETRO ILLUMINATA


    in questo post mostrerò come realizzare un tavolo illuminato. al di là del soggettivo aspetto estetico, un tavolo illuminato può essere piacevole da utilizzare per il computer o quant'altro si ritiene adatto.
    ATTENZIONE! come evidenziato in home page, NON FATE LAVORI CON LA TENSIONE SENZA LE CONOSCENZE NECESSARIE. questo progetto è stato realizzato insieme ad un elettricista di professione. LAVORARE CON L'ELETTRICITà PUò ESSERE MOLTO PERICOLOSO!!!

    Ho creato una struttura in acciaio inox (visto la facile reperibilità per me) ma può essere utilizzato anche il ferro normale tenendo conto che poi però deve essere verniciato.



    La struttura è fatta da tubolare 40x10 che forma un rettangolo di 160 cm per 80 cm. All'interno sono stati posti dei pezzi di tubolare o di tubo per realizzare una specie di reticolo che facesse da supporto alla lastra.



    Poi sono state messe delle lampade a catodo freddo, quelle che normalmente fanno da retroilluminazione per i pannelli LCD, per l'esattezza quattro da 10 cm e due da 30 cm. le lampade da 30cm vengono già vendute inserite in un tubo di plexiglass. quelle da 10 cm ne erano sprovviste così mi sono procurato del tubo trasparente che ho inciso longitudinalmente per fare passare uno dei due fili di alimentazione.




    Ciascuna lampada ha il suo Inverter che trasforma 12 volt in qualche centinaio, necessari per il funzionamento delle lampade.







    Tutte le lampade sono collegate a un rilevatore di movimento che servirà per spegnere in automatico il tavolo quando nessuno è seduto e a farlo riaccendere quando uno si siede.

    Il tempo di spegnimento bisogna tenerlo alto perché questo impedisce che si spenga da solo anche quando uno è seduto ma non fa movimenti. io ho settatto la massima sensibilità e 8 minuti di ritardo. devo ammettere che sarebbe stato meglio una piccola barriera a infrarossi perchè capita di non muoversi per diversi minuti! ho in programma la sostituzione del sensore con la barriera più temporizzatore a breve.




    per l'alimentazione ho preso un alimentatore switch che eroga a 12 volt 5 ampere. infatti ogni lampada da 10 cm assorbe 0.250 ampere (direttamente misurati) mentre quella da 30 cm ne assorbe 0.400 (riportato sulle specifiche). quindi solo di lampade ho: 4x0.250=1A + 2x0.400=0.8A = 1.8 A totali. attenzione, per provare, ho collegato un trasformatore da 1.8A e dopo pochi minuti era già bollente! quello definitivo da 5A invece diventa appena tiepido. tutti i collegamenti e le giunzioni sono state saldate con stagno e avvolte dal termoretraibile. tre gambe del tavolo le ho prese in un negozio, una l'ho fatta io perchè volevo la possibilità di avere un vassoio aggiuntivo (per un laptop, es.) che si potesse estrarre all'occorrenza. è importante che il tubo del vassoio che ruota sulla gamba non abbia gioco. per togliere tutto il gioco e rendere il movimento fluido ho inserto uno spessore in teflon. consiglio l'altezza di 770 mm per le gambe in quanto io ho preso per errore le 870mm e sono un pò altine. una volta ultimata la struttura ho preparato la lastra da mettere sopra. ho utilizzato il lexan bianco opaco da 3mm che trasmette la luce diffusa ed è tra i più resistenti. ha l'inconveniente che essendo sempre plastica col tempo si rovina. nella zona di appoggio delle mani è meglio mettere qualcosa, ad esempio un foglio di lexan trasparente leggerissimo. infine sotto ho messo due fogli di lexan alveolare da 5mm più che altro per una questione estetica.


    qui di seguito le foto del tavolo in funzione